La 14° edizione di “Racchette in Gran Sasso” si svolgerà domenica 3 marzo 2019 sui Piani Pezza, con ritrovo e partenza dei partecipanti nei pressi del ristorante “Il Rifugio del Lupo”.
“Racchette in Gran Sasso” è la prima manifestazione del genere organizzata dalla Sezione aquilana del Club Alpino Italiano. La prima edizione si tenne nel febbraio 2005 in località Lago Racollo, presso l’altopiano di Campo Imperatore, definito da Fosco Maraini “il piccolo Tibet”.
Da allora numerose edizioni si sono svolte in quello scenario, con la preziosa collaborazione del Comune e della Pro-Loco di Santo Stefano di Sessanio.
Nel 2009 “Racchette in Gran Sasso” fu inserita in un cartellone di eventi nazionali di questo genere, essendo fino ad allora l’unica iniziativa che si svolgeva sull’Appennino Centro-Meridionale con lo scopo di far conoscere e promuovere l’uso delle racchette da neve (note anche il nome di ciaspole) non solo tra gli escursionisti abituali, ma anche a coloro che per la prima volta si avvicinano alla montagna d’inverno.
L’uso delle racchette da neve, strumenti molto antichi e da tempo utilizzati dalle popolazioni montane e dai cacciatori per evitare di sprofondare nella neve (le prime racchette, in legno e cuoio, provenivano probabilmente dal Nord America o dall’Asia), si è diffuso negli ultimi anni in Europa in maniera significativa, parallelamente all’evolversi della tecnologia di tali strumenti.
L’aver raggiunto in più di una edizione oltre 500 partecipanti dimostra che l’idea della Sezione aquilana del CAI è stata vincente, favorita anche da un ambiente naturale – quale quello degli altipiani appenninici – che si adatta all’escursionismo con le racchette da neve.
“Racchette in Gran Sasso” è stata spesso anche un’occasione per proporre al nostro comprensorio eventi culturali legati alla montagna come mostre fotografiche, rassegne cinematografiche, incontri con scrittori di montagna.
Il logo della manifestazione è stato realizzato da Duilio Chilante; nel pettorale anche quest’anno è inserita una vignetta realizzata per l’occasione da Spinella (Gianluigi Scimia), ispirata alla migliore tradizione umoristica montanara di cui antesignano fu Pino Zac.
Per la quarta volta “Racchette in Gran Sasso” lascia le nevi di Campo Imperatore per migrare, questa volta, su quelle dei Piani di Pezza (altopiano che si estende per circa 5,5 km in lunghezza e 3km in larghezza ad una quota compresa tra i 1400m e i 1550m sul livello del mare). Il CAI dell’Aquila vuole far trascorrere in questo luogo incontaminato una giornata con le racchette da neve, da svolgersi su due circuiti escursionistici ad anello: il primo di 6,5 km (per i più allenati) e il secondo di 5 km (per tutti).

 

Panorami dai luoghi visitati