Biblioteca della montagna "Carlo Tobia"

IN EVIDENZA: Seminario nazionale di formazione BIBLIOCAI 5 ottobre 2019 L’Aquila invito e programma

_____________________________________________________________________________________________________________

Biblioteca della montagna “Carlo Tobia”

Fin dalla sua costituzione avvenuta nel 1873 la sezione aquilana del Club Alpino Italiano ha annoverato, fra i suoi soci, nomi illustri del panorama alpinistico, culturale e sociale del centro Italia.

Nel corso dei decenni questa presenza si è concretizzata anche attraverso la pubblicazione e la raccolta di documenti di vario genere sul tema della montagna, che hanno di fatto posto le basi per la nascita della biblioteca del CAI dell’Aquila.

Il primo registro inventario di cui si ha memoria risale al 1951; da allora le raccolte si sono incrementate essenzialmente per doni e scambi e, in rare occasioni, anche grazie alle modeste risorse destinate alle biblioteche abruzzesi in virtù dell’applicazione della legge regionale di settore n. 77 del 1998.

Negli gli anni difficili del post sisma 2009 l’attività è stata portata avanti con fatica e discontinuità in una sede di emergenza, in attesa del definitivo rientro avvenuto nel corso del 2018 nella storica sede di Via Sassa.

Con il riavvio delle attività sociali in centro storico, in biblioteca è stata intrapresa una lunga e impegnativa fase di selezione, scarto, ordinamento e ricollocazione del materiale (circa 3500 libri) che si è concretizzata, in linea con quanto già previsto prima del 2009, nel riallestimento delle sezioni tematiche a scaffale aperto:

ABRUZZESISTICA ALPINISMO CAI CARTOGRAFIA
CD/DVD CONSULTAZIONE FONDO TOBIA GRAN SASSO
GUIDE LETTERATURA MANUALI MISCELLANEA
RARI SCIENZE SPELEOLOGIA TUTELA AMBIENTE MONTANO

Prima del sisma del 6 aprile 2009 la biblioteca si era ulteriormente arricchita grazie all’acquisizione di alcune decine di volumi avuti in dono dagli eredi di Stanislao Pietrostefani (socio CAI dal 1926 al 2005, medaglia d’oro del CAI e Presidente della Sezione dell’Aquila dalla fine della seconda guerra mondiale fino al 1950); nella donazione sono presenti anche carteggi e documenti riguardanti la vita associativa sezionale che andranno ad incrementare l’archivio storico sezionale. Dopo il sisma anche i libri del compianto Prof. Carlo Tobia (a cui è intitolata la Biblioteca) hanno arricchito le raccolte della sezione per suo esplicito volere, e sono stati collocati in un apposita sezione tematica. Infine un doveroso ringraziamento anche al Prof. Bruno Marconi (anche lui ex Presidente della Sezione) che si è reso protagonista di una consistente donazione che ha arricchito il nostro patrimonio librario.

Sul finire del mese di settembre 2018 sono stati ristabiliti i rapporti con il gruppo di lavoro BiblioCAI e con la Biblioteca Nazionale del CAI. La successiva partecipazione al 16° seminario nazionale di formazione organizzato dal CAI di Pordenone è stata la premessa all’adesione della nostra Biblioteca (https://mnmt.comperio.it/biblioteche-cai/biblioteca-cai-sezione-l-aquila/) al Catalogo Unico dei Beni Culturali del CAI CAISiDoc (https://mnmt.comperio.it/). Contestualmente è stata formalizzata l’uscita dal Polo SBN AQ1 L’Aquila che aveva finora adottato il software SBNWeb a favore del gestionale CLAVIS fornito gratuitamente alle sezioni CAI attraverso il Museo Nazionale della Montagna e la Biblioteca Nazionale del CAI.

L’apertura regolare della Biblioteca nei pomeriggi di martedì e venerdì ha permesso di riprendere nel 2018 tutte le operazioni gestionali biblioteconomiche standard e il catalogo collettivo, condiviso con tutte le altre biblioteche sezionali, è in continuo aggiornamento.

Regolamento Biblioteca CAI L’Aquila – mail: biblioteca@cailaquila.it